Associazione ambientalista a carattere nazionale, riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente, ai sensi dell’art. 13 della Legge n. 349/86  .Suoi rappresentanti fanno parte, in Sicilia, del Consiglio regionale per la  Protezione del Patrimonio Naturale (CRPPN), dei Comitati Tecnici Scientifici dei  Parchi delle Madonie, dell’Etna e dei Nebrodi, del Parco Fluviale dell’Alcantara, del Comitato regionale FaunisticoVenatorio,  del Comitato regionale per i fondi  strutturali, dei Consigli Provinciali Scientifici delle Riserve e del patrimonio naturale (Catania, Enna, Ragusa); in Campania del Comitato Regionale Ambiente. .

I Gruppi Ricerca Ecologica (GRE) gestiscono la Riserva Naturale Integrale Grotta dei Puntali, in territorio di Carini (PA), la Riserva Naturale Orientata Grotta Molara, nel territorio comunale di Palermo, ed hanno gestito Parco Cosentini, in territorio di Santa Venerina (CT), il primo Parco Urbano Nazionale della Sicilia.  L’azione dei Gruppi Ricerca Ecologica, basata sul volontariato, sulla promozione  dell’occupazione nel settore Ambientale (forestazione, gestione oasi e riserve,  alimentazione, agricoltura), sulla tutela e fruizione dei beni ambientali e culturali e radicata  nella realtà, nelle esigenze della “gente”, della comunità, si sostanzia in una nuova politica dell’ambiente e per l’ambiente, che predilige i valori.  I valori della Tradizione, della Vita, della Persona, oggi tanto mortificata ed annichilita da  sperimentazioni criminali in nome di un malinteso senso del progresso.  I Gruppi Ricerca  ecologica che riaffermano la preminenza dello spirito sulla materia, dell’essere sull’avere, della cultura sull’economia, della dignità umana sulla  macchina, intendono difendere il cittadino dall’inquinamento mentale e dagli ingannevoli orientamenti sui costumi e sui consumi a cui è sottoposto attraverso una distorta trasformazione pubblicitaria, didattica e culturale.